Solennità Santi e Triduo 2016

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”14″ override_thumbnail_settings=”0″ thumbnail_width=”240″ thumbnail_height=”160″ thumbnail_crop=”1″ images_per_page=”8″ number_of_columns=”0″ ajax_pagination=”0″ show_all_in_lightbox=”0″ use_imagebrowser_effect=”0″ show_slideshow_link=”1″ slideshow_link_text=”[Mostra slideshow]” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_thumbnails”]

Halloween? No, Festa di Ognissanti e memoria dei defunti

La festa di Ognissanti ha per oggetto la glorificazione di tutti i Santi che sono in cielo: Angeli, Martiri, Confessori, Vergini. La sua origine viene dalla commemorazione di tutti i martiri che fin dal secolo quarto si faceva in alcune chiese particolari.

Il tradizionale Triduo dei Morti è un tempo di riflessione sui defunti. Gli altari delle chiese vengono dotate di un’imponente struttura decorativa formata da candele accese a simboleggiare la fede e la vita. 

Viviamo in un tempo in cui la morte spaventa e si compiono tutti gli sforzi possibili per dimenticarla e nasconderla, promettendo di far vivere l’uomo per molto tempo. Ma se la morte umanamente è una realtà terribile, non può essere così dal punto di vista della fede; il Triduo dei morti ci aiuta a liberare la morte della paura, parlandoci di Risurrezione e insegnandoci la ricetta di quella vita senza fine, che è lo scopo del nostro pellegrinaggio terreno.