I Tesori Restaurati

Martedì 4 dicembre alle 20,45, presso la Sala Padre Costanzo dell’oratorio di San Pellegrino Terme, presentiamo i Tesori Restaurati. 

Alla serata prenderà parte Franco Blumer che ha restaurato le opere danneggiate dall’incendio che ha coinvolto parte della sacrestia della chiesa di San Nicola nel giorno di Pasqua 2017.

Franco Blumer, orafo e cesellatore, di una famiglia svizzera trasferitasi nella bergamasca dalla metà dell’800, è soprattutto un apprezzato restauratore di metalli con una attività estesa anche al di fuori della provincia.
Diplomato nel 1977 in Oreficeria, Cesello e Incisione presso il Politecnico del Commercio di Milano, inizia la formazione presso la bottega dello scultore e cesellatore Giancarlo Fecchio a Venezia. È l’occasione per partecipare agli interventi su numerose opere in argento, bronzo e legno di natura profana e religiosa per conto di committenti illustri, affina le tecniche dello sbalzo, del cesello e della scultura lignea e in bronzo.

Terminata l’esperienza veneziana, dopo un tirocinio presso la fonderia artistica di Gianni Gurato, dal 1984 al 1989 collabora a restauri e realizzazioni perlopiù di oreficerie sacre a fianco del restauratore Manlio Sironi. Si avvicino così all’arte sacra antica e apprende metodi ormai in disuso, come la doratura ad amalgama di mercurio e la brunitura con pietra d’agata su metallo.

Blumer Franco Orafo – Restauratore – Arredi Sacri – foto Tiziano Manzoni

Tra il 1996 e il 1997 partecipa al corso d’aggiornamento per il restauro delle arti decorative presso il Museo Bagatti Valsecchi di Milano, in collaborazione con l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze. Nel 2008 frequenta il corso di formazione permanente “Chimica e Materiale per i Beni Culturali: Principi, tecniche di diagnosi e interventi” presso il Politecnico di Milano.

Frequenta nel 2011 gli incontri organizzati da Bruker Milano dal titolo “La spettroscopia al servizio dei beni culturali” e da CNA Bergamo dal titolo “La pulitura laser di beni culturali”.