25 gennaio 2019 a Brembate di Sopra. Nel giorno della memoria…

“Torna a casa, ma non raccontare mai quello che ti è successo, perché ti prenderebbero per pazzo”. Un uomo della croce rossa americana si rivolge così, nel 1945, poco dopo la sua liberazione, a Bonifacio Ravasio, deportato politico internato nel campo di concentramento di Buchenwald, uno dei più grandi della Germania nazista. La sua storia viene ricordata oggi grazie al nipote Leonardo Zanchi, ventiduenne di San Pellegrino, dal 2017 vicepresidente dell’ANED Bergamo, che, accompagnando il nonno nelle scuole mentre portava la propria testimonianza, ha ricevuto il prezioso compito di ricordare la sua terribile vicenda ancora oggi.

leggi l’intero articolo:  http://www.bergamonews.it/