VERBALE DELLA SEDUTA 32 DEL 26/10/2017

In data odierna alle ore 20,45 presso il teatro della Scuola dell’Infanzia “S. Croce” si convoca la trentaduesima seduta del CPP di SC con la presenza del CPP di SPT. Presiedono i Parroci delle 2 Parrocchie

Assenti giustificati di SC: Silvio Mosca, Paola Avogadro, Ivan Zani, Massimiliano Cavagna.

Dopo preghiera iniziale per la costituzione dell’UP segue breve presentazione dei presenti. Don Sergio introduce i lavori con breve percorso storico del cammino di preparazione dell’UP e rileva che l’idea dell’UP è stata proposta dal vescovo e quindi va non solo accolta, ma pure ben preparata.

1. Marzo 2016 Consiglio Presbiterale Vicariale in Curia e proposta del Vescovo tramite i superiori per l’UP di San Pellegrino con Santa Croce: i preti di San Pellegrino e S. Croce, seppur con pizzico di trepidazione, accolgono la proposta come occasione di grazia e di ricchezza e ci si accorda di costituirla nell’autunno 2018.

2. Settembre 2016 Mons. Lino Casati incontra i 2 parroci per presentare i preliminari per l’UP e ci si accorda di scrivere una lettera per Natale 2016 firmata dai sacerdoti di entrambe le Parrocchie indirizzata a tutte le famiglie e di costituire per gennaio 2017 un gruppo di lavoro per l’UP.

3. Gennaio 2017 si costituisce il Gruppo di Lavoro in seguito chiamato Equipe Pastorale (EP) formato dai due parroci e da alcuni laici che rappresentano entrambe le Parrocchie con il compito di aiutare le stesse a costituire l’UP.

4. Gennaio-Settembre 2017: l’EP si è incontrata più volte, in un clima di serenità, passione, comunione per verificare quanto esiste in ogni parrocchia e quali sono le collaborazioni in atto al momento; per definire piccole iniziative concrete per cominciare a vivere e far essere viva l’UP; per stendere il Progetto dell’UP; per studiare la fattibilità di un calendario pastorale e di un foglietto degli avvisi settimanali di tutte le attività delle due parrocchie; per pianificare i dettagli degli incontri con i gruppi paralleli di SC e SPT svolti nel periodo compreso tra settembre e ottobre 2017.

Don Gianluca presenta le domande proposte a tutti i gruppi paralleli di entrambe le Parrocchie:
1. Come aiutare le persone a comprendere l’identità e la fecondità dell’UP?
2. Quali suggerimenti ci vengono offerti dal Motto dell’anno “Ad maiorem Dei gloriam”?
3. Come rendere visibile l’UP nei nostri gruppi (iniziative, proposte)?

Segue dibattito:
Ferruccia Cavagna: Con trepidazione si accoglie la proposta dell’UP, però qualcuno chiede se ci sarà un solo conto corrente bancario oppure se i conti correnti bancari delle due parrocchie resteranno distinti.
Sandro Perin: a fronte della costituzione dell’UP è opportuno ripensare l’organismo del CPP.
Luigi Cavagna: l’idea dell’UP spaventa un po’ la gente, si teme che il paese diventi un dormitorio, si teme il trasferimento delle attività pastorali a SPT, si teme di perdere la residenzialità del prete.
Paolo Baroni propone l’esperienza della “missione parrocchiale” per rafforzare sempre meglio la fede e l’idea dell’UP di entrambe le comunità parrocchiali.
Laura Pedretti suggerisce di proporre iniziative pratiche concrete per entrambe le Parrocchie per rafforzare sempre meglio l’idea dell’UP.
Patrizia Cavagna evidenzia che non solo durante il cammino di preparazione dell’UP è fondamentale tenere vivo uno sguardo positivo, senza soffermarsi negativamente sulle criticità che vanno affrontate con spirito di comunione e collaborazione.
Don Franco raccomanda di tenere viva soprattutto la fede delle nostre comunità cristiane, soprattutto quella delle persone giovani.
Giovanni Patti aggiunge la necessità per la costituzione dell’UP di una buona dose di entusiasmo di chi già è convinto, capace di contagiare chi fa fatica a credere.

I sacerdoti rispondono agli interventi rassicurando che nel Progetto dell’UP verranno suggerite tutte le risposte che al momento si riferiscono oralmente e che la proposta dell’UP sarà una vera e propria ricchezza per tutte le nostre comunità cristiane. Sul finale della seduta si suggerisce di mettere in calendario a discrezione dei sacerdoti almeno un momento di preghiera condiviso da entrambi i Consigli Pastorali Parrocchiali.

La seduta si conclude alle ore 22.00 con preghiera finale seguita da breve rinfresco.

La Segretaria
……………………………… ………………………………….

Il Parroco
……………………………… ………………………………….