Sostentamento del Clero Diocesano

Domenica 25 novembre, solennità di Cristo Re, la Chiesa Italiana celebra la Giornata Nazionale dedicata al dono dei sacerdoti diocesani in mezzo a noi e la sensibilizzazione al Sostentamento del Clero Diocesano.

Le offerte per il sostentamento dei sacerdoti sono lo strumento che permette a ogni fedele di contribuire, secondo un principio di corresponsabilità, al sostentamento di tutti i sacerdoti diocesani, che assicurano una presenza costante in tutte le parrocchie per annunciare il Vangelo e supportare le comunità.  I sacerdoti si affidano quindi alla comunità, per essere liberi di servire tutti, senza dover pensare al proprio sostentamento. Essi dedicano la vita agli altri con una presenza costante che si declina in gesti a volte coraggiosi e a volte semplici di vicinanza.

Destinate all’Istituto Centrale Sostentamento Clero, queste Offerte sono uno strumento perequativo e di solidarietà nazionale scaturito dalla revisione concordataria del 1984, per sostenere l’attività pastorale dei 35mila sacerdoti diocesani. Infatti da quasi 30 anni i sacerdoti non ricevono più uno stipendio dallo Stato ed è responsabilità di ogni fedele partecipare al loro sostentamento, anche attraverso queste Offerte.  “Aiutare in maniera concreta i nostri sacerdoti credo sia un dovere di tutti noi che ne apprezziamo la missione e l’operato. Quest’anno, per la prima volta dopo anni, stiamo registrando una ripresa delle Offerte: ogni Offerta, anche di minimo importo, sostiene un sacerdote e gli dà energia per continuare a svolgere la sua missione e aiutare i più poveri. Vi invito dunque a fare una donazione, infatti se crediamo nei sacerdoti, spetta a noi, in prima persona, sostenerli spiega il responsabile del Servizio Promozione Sostegno Economico alla Chiesa cattolica, Matteo Calabresi.

Offerte Sostentamento Clero: come funziona e chi lo finanzia


COME DONARE

La donazione per i sacerdoti è deducibile dal proprio reddito annuale se effettuata a favore dell’Icsc (Istituto centrale sostentamento clero) con causale “erogazione liberale art. 46 L.222/85” attraverso conto corrente postale, carta di credito, bonifico bancario, versamento presso l’istituto diocesano sostentamento clero della diocesi.

  1. CARTA DI CREDITO – sul sito www.insiemeaisacerdoti.it/
  2. CONTO CORRENTE POSTALE – n. 57803009, intestato a: Istituto centrale per il sostentamento del clero – Erogazioni liberali, via Aurelia 796, 00165 ROMA
  3. BONIFICO BANCARIO – E’ possibile fare una donazione per i sacerdoti su uno dei conti correnti bancari aperti a questo scopo:
    BANCA POPOLARE ETICA – IBAN: IT 15 V 05018 03200 000000161011
    INTESA SAN PAOLO – ROMA Via Gregorio VII, 127 – IBAN: IT 33 A 03069 03206 100000011384
    UNICREDIT – ROMA AG CORSO C – IBAN: IT 50 I 02008 05154 000400277166
    BANCA POPOLARE DI MILANO – ROMA Sede Ag. 251 – IBAN: IT 09 C 05584 03200 000000044444
    MONTE DEI PASCHI DI SIENA – ROMA Via del Corso, 232 – IT 98 Q 01030 03200 000004555518
    BANCO DI SARDEGNA – ROMA Centro – IBAN: IT 80 Y 01015 03200 000000017000
    BANCA NAZIONALE DEL LAVORO – ROMA Bissolati –  IT 71 W 01005 03200 000000062600
    Vanno intestati a Istituto Centrale Sostentamento Clero. Causale: Erogazioni liberali
  4. IDSC (ISTITUTO DIOCESANO SOSTENTAMENTO CLERO) – Bergamo Istituto Diocesano Sostentamento Clero Via Arena, 2 – 24129 Bergamo (BG)
Le donazioni per i sacerdoti sono deducibili dal reddito annuale fino ad un massimo di euro 1.032,91. L’Estratto conto della Carta di Credito, il bollettino di versamento in conto corrente postale, la ricevuta rilasciata dall’azienda di credito e la quietanza rilasciata dagli Istituti diocesani sostentamento clero, valgono tutti come ricevute.
L’offerta effettuata entro il 31 dicembre dell’anno corrente, indicata tra gli oneri deducibili nella dichiarazione dei redditi (modello Unico o modello 730) è da presentare l’anno seguente:
  • Sul modello 730 indicare l’importo dell’offerta nel quadro E (oneri e spese) alla sezione II nel rigo “erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose”.
  • Sul modello Unico, nel riquadro RP sezione II compilare il rigo “erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose”.


Per maggiori informazioni: